70 anni!

19 out

70 anni è l’età che mio padre avrebbe compiuto oggi. Il suo passaggio qui, però, è stato molto più breve. Circa otto mesi prima di compiere 32 anni, è partito per il Mondo Spirituale. La sua missione sulla terra era già stata compiuta, i suoi frutti erano già stati piantati, quello che doveva recuperare, era già stato recuperato.

31 anni e “quasi” tre mesi. E aveva fatto tutto. Assolutamente tutto. Aveva vissuto, anche se sono sicura che la voglia di continuare incarnato ancora per un po’ non gli mancasse. Dopo tutto, era solo da un anno e qualche giorno che si era sposato! Allo stesso tempo, però, credo che lui lo sapeva. Sapeva che il suo passaggio qui sarebbe stato breve ma intenso. E lui ha studiato, e si é laureato, e ha lavorato. Appassionato di calcio, sarebbe sempre ricordato dagli amici come il “marcatore”. Pieno di stile, sarebbe anche ricordato per la sua originalità e senso dell’umorismo.

No, lui non avrebbe potuto trovare una persona migliore per dividere coloro che sono stati forse i momenti più belli della sua vita! Se penso a una persona allegra, a suo agio con la vita, ottimista, creativa e originale, penso a mia madre. Ma non era di mio padre che stavo parlando? Sì, ma cosa posso fare se ENTRAMBI sono esattamente così?

Ah, forse vi state chiedendo perché ho commentato che lui “sapeva” che il suo passaggio qui sarebbe durato poco Ovviamente, non era una cosa cosciente, ma ricordo che mia madre mi ha raccontato di una volta che l’ha guardata, emozionato, e ha detto qualcosa del tipo: “. Prenditi cura di nostro figlio”.

Un sacco di gente quando scopre che mio padre è morto prima che io nascessi comincia a chiedere scusa, ad avere pena, per non parlare di coloro che trovano “orribile” il fatto di non avere conosciuto mio padre, in particolare per una ragione così sofferta. (No, non ci ha lasciato, è morto!). Credo tuttavia che la mia sofferenza (se esiste realmente) è molto più piccola riguardo a quelli che l’hanno avuto e poi l’hanno perso. Perché io non ho mai avuto. O meglio, l’ho sempre avuto e sempre lo avrò, perché da SEMPRE ha fatto parte della mia vita, perché lui è SEMPRE stato (ed è ancora) presente, anche se non fisicamente. Oh, e ho i miei dubbi sul fatto che non ci siamo conosciuti! In effetti da qualche tempo che ci penso che è molto probabile che i nostri spiriti si siano “incrociati” durante il suo, o meglio, il nostro passaggio.

Se pensiamo nel tempo con ragionamento logico, quello “cartesiano”, questo potrebbe non essere possibile (lo spirito è presente nel corpo già dal momento del concepimento?). Ma se abbiamo una visione del tempo come quello concepito dalla fisica quantistica, certamente tale possibilità esiste. Allora … lui mi ha visto anche prima di mia madre!

Oggi, a prescindere dal fatto che così tanto tempo è passato, seguo dicendo: congratulazioni, papà! E grazie, perché molto di ciò che sono diventata, è stato grazie a mia madre, alla mia famiglia, al Bibi, al “noninho”, ma è stato anche grazie a te.

Oggi mi rendo conto che è possibile amare qualcuno che teoricamente non si ha mai visto. In aggiunta,è possibile sentirsi orgogliosi e felici allo stesso tempo quando ci si guarda allo specchio e percepisci così tanti tratti in comune. Sì, le orecchie, il naso, la bocca, gli occhi, lo sguardo, sono tutti tuoi, papà. Il sorriso? Oh, il sorriso, il modo di essere, la capacità di emozionarsi, il dono dell’ascolto … questi sono di mia madre!

Questo è tutto! Quindi, papà, congratulazioni per il tuo giorno!

Marian.

P.S: Grazie per gli occhi verdi !!

Renan

Renan

Anúncios

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s

%d blogueiros gostam disto: