Calendario per la mia madre

5 set

Era il Natale del 2014, quando ho deciso di fare un regalo un po’ diverso per la mia madre. Mi è venuta l’idea di un calendario, con 31 frasi, una per ogni giorno. Avrei voluto fare 365, ma per riuscire avrei avuto bisogno di più tempo. Oggi, riproduco le frasi qui

  1. Primo giorno dell’anno? O solo  il primo del mese? Giorno di fare progetti, di cominciare, di ricominciare. Simbolicamente, pensiamo che sia il giorno di partenza, da condividere. Ma il nostro primo giorno, in verità,dovrebbe essere il giorno del nostro compleanno! Perché è lì che la nostra vita è iniziata, è lì che il nostro “nuovo anno” ha inizio! Indipendentemente da tutto questo, che cosa possiamo imparare come “lezione” per questo giorno? Semplicemente che ogni giorno, tutti i giorni, può essere il “nostro” primo giorno! Il giorno di provare, di rischiare, di cambiare, di ricominciare. Il giorno di essere felici!
  1. E il pensierodel giorno è: E la mia vita, come la sto amministrando? Con amore, fede, pazienza, benevolenza e dedizione nella giusta misura?
  1. Se sono santa o sono strega, differenza non ce l’ha. Se credo nella magia, è nella magia della preghiera. Nella potenza dei buoni pensieri e in quella sensazione che solo può essere sentita da quelli che ascoltano il proprio cuore!
  1. Nella nostra vita terrena, abbiamo molto da imparare e uno dei nostri obiettivi è sì arricchire! Ma la ricchezza a cui mi riferisco è la ricchezza spirituale, l’amore di una madre, di un figlio, le amicizie uniche, quelle senza paragone!
  1. Il rispetto alla vita, la tua, quella dell’altro, della natura e degli animali. Principio fondamentale, ma non siamo radicali! Con affetto e amore dobbiamo trattare le piante, l’acqua, l’aria e gli animali. Ma gli estremismi che fuggono alla ragione, non devono avvelenare il nostro cuore!
  1. A gennaio è giorno dei Re, quelli Magi. Che ognuno di noi possa esserere, che ognuno di noi possa essere un mago. Re della bontà, della determinazione. Maghi della verità, dell’illuminazione.
  1. Maiperdere la fede, anche se tutto sembra perduto. Perché più tardi, nel cammino della vita, tutto avrà un senso.
  1. Sfida del giorno: salutare con un sorriso la prima persona con cui ti incroci nella strada. Osserva sua reazione. Allora, qual è stata la “tua” sensazione?
  2. Tutti i giorni, quando ti svegli, ringrazi. La vita, chi ti circonda, le sfide che, ad ogni giorno, bussano alla porta della tuaesistenza. Sono state scelte da te e tu sei il principale responsabile per le conseguenze delle tue azioni.
  1. Ci dicono che dobbiamo seguire la nostra strada senza guardare indietro. Beh, non so se sono d’accordo. Credo che di tanto in tanto uno sguardo al indietro non può che farci bene. A condizione, naturalmente, che questo “sbirciare” ci aiuti ad andare avanti, serva come una spinta per affrontare quello che ci aspetta più avanti. Il problema non è il guardare o no, il problema è rimanere bloccato in mezzo alla strada!
  1. Fare del bene, senza tenere conto a chi sia. La domanda del giorno è: e ilbene che fai a te stesso? Quanto spesso lo pratica? Sì, va bene, è nobile, è divino aiutare, pensare, amare l’altro. Ma abbiamo bisogno anche di amare, rispettare, aiutare a noi stessi. Perché abbiamo bisogno di stare bene per essere in grado di fare del bene. Perché il bene si riflette non solo negli atteggiamenti, ma anche nell’energia che passiamo a coloro che ci circondano.
  1. E a proposito di bontà, dove sei tu? Che nella vita di corsa, tante volte non vediamo? Ti sei nascosta in uno scambio di sguardo, in un sorriso sincero, che cerca la pace?
  1. Quella storia del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto già ha dato quello che aveva da dare. Voglio è che l’acqua del bicchiere, quella che rimane lì, venga utilizzata per annaffiare. Annaffiare la speranza, l’amore, la determinazione, che nutra le piante della dedizione, che spenga il fuoco della discordia, che rinfreschi l’anima e il cuore.
  1. Ricordati di ieri e porta con te i ricordi; pensi al domani e costruisce la tua  vita rispettando i tuoi sogni e ideal;i e viva il giorno d’oggi ricordando che, in effetti, egli è ciò possiede veramente, ed è in essi che la vita accade!
  2. Per tutto ha una ragione, anche se a volte è troppo complicato da capire. La vita però non è spiegare, non è capire. La vita, prima di tutto, è permettersi di viverla! La comprensione un giorno arriva. Pazienza, fede, comprensione, perché sec’é l’amore, la sofferenza diventa una grande lezione!
  1. L’amore deve essere vissuto, vivificato e rafforzato giorno dopo giorno con parole, ma ancora di più con gesti, con atteggiamenti, con esempi!
  1. Un bagno di sale grosso, un incenso, una preghiera. Fare un respiro profondo, disegnare un cerchio con l’immaginazione. Circondarsi di una cupola di luce, lasciarsi contaminare dal profumo inebriante dei fiori, delle erbe, che sembra invadere improvvisamente l’ambiente. Tutto questo è protezione. Basta crederci. Ti manca la fede? Nessun problema! Nostro Padre Maggiore sa quello che hai dentro il cuore!
  1. Non sempre riusciamo, in un primo momento, a capire quello che raccogliamo, perché spesso la nostra piantagione è iniziata in un’altra incarnazione. E forse, prima di un raccolto spettacolare, abbiamo ancora alcune erbacce da tagliare! Il lavoro di giardinaggio viene fatto con pazienza, amore e dedizione. E la vita è così. La potatura ha un momento giusto per essere fatta. Perché se è troppo presto, impediamo la pianta di fiorire, ma se è tardi, il rischio è quello di lasciarla marcire.
  1. La felicità è qui? La felicità è lì? La felicità è dove sei tu! Basta darsi il permesso, basta crederci! Non abbiate paura di sorridere, non abbiate paura di sognare, il coraggio di agire, il coraggio di cambiare!
  1. Ogni giorno, al tuo risveglio, pensa a una (solo una) cosa che ti rende felice e porta con te questo pensiero per tutta la giornata. Se riesce a prendere nota, meglio. Può essere una frase, una parola, un oggetto, un’attitudine. L’ importante è che sia solo UNA! Fai questo tutte le mattine e presto scoprirai che, in un anno, hai almeno 365 motivi per essere felice!
  1. E la vita va in cicli,così come le stagioni. Che come le primavere possiamo essere in grado di rinascere sempre, rinforzando giorno dopo giorno la gioia di vivere! Che possiamo essere vibranti come la più bella delle estate e i nostri sorrisi contagiosi possono invadere tutti i cuori! Che come li autunni, possiamo essere in grado di dare più sapore alla vita e dare al mondo intorno a noi i frutti di un vero amore! E quando verrà l’inverno, che si senta il suo calore e avvolti nel calore dell’amore, del tè caldo e della coperta, si riesca ad addormentare per rinnovare le energie, perché quando meno ce lo aspettiamo, il sole tornerà a splendere !
  1. Abbi, in questo momento, un pensiero buono. E lasciati coinvolgere, lasciati contaminare. Vedrai cheil tuo giorno, non importa cosa ti sfida, avrà più gioia!
  1. Una vita non ha senso senza una sfida da superare. Tutto accade per una ragione e ognuno di noi ha sulla Terra una missione. Non sappiamo sempre esattamente quello che vogliamo, ma se seguiamo la nostra intuizione, prima o poi saremo ricompensati con il dono della comprensione!
  1. Che non ti manchi mai la capacità di sognare, di divertirsi con le cose semplici, di ridere di cose stupide, di sorridere senza paura, di piangere quando ti viene voglia. Che non ti arrenda mai a quella “parte noiosa” del “mondo degli adulti” che ti fa diventare noioso, privo di vita, ti rende estremamente “robotico”.
  1. Buongiorno! Non importa se oggi è Lunedì, Martedì, Mercoledì o Giovedì. Se si tratta di un giorno festivo, se è Domenica, o se è un giorno feriale. Non importa se è una data importante, se sei pieno di cose da fare, di problemi da risolvere, di cose a cui pensare. Indipendentemente da tutto ciò, buongiorno! Perché per che un giorno sia buono il primo passo è così desiderarlo! Quindi: buon giorno! E che si possa fare del giorno d’oggi una buona giornata!
  1. Ci sono tante realtà come la mia mente è in grado d creare. E chi mi assicura che “questo” mondo è il mondo reale? Quali prove ho che quello mondo dei sogni, attraverso il quale navigo ogni sera (e talvolta anche durante il giorno) è solo roba di fantasia? E chi ha detto che ciò che immaginiamo non esiste? Se siamo in grado di immaginare è perché può esistere! Il mondo in cui viviamo “ora” è reale “ora.”  Ma domani? E poi? E quando andremo a “altre dimensioni? Cosa sarà il “vero”? Penso, dunque esisto? Oppure esisto, quindi penso? Beh, direi credo, quindi “esistono”!
  1. Il modo con il quale affrontiamo la vita rivela molto di noi stessi. Se ad ogni sera potessimo fermarci un attimo a riflettere sulla giornata e prendere qualcosa di positivo dal giorno che è appena passato, certamente andremo a dormire più rilassati e con un sorriso in faccia!
  1. Ei, tu! Sì, proprio tu, che ti sei appena svegliato e, sempre di corsa, non si è nemmeno ricordato di, davanti allo specchio, sorridere a te stesso! Fallo ora! Guardati! Ammirati! Sii fiero di essere chi sei e esca di casa a testa alta, con lo sguardo fiducioso e il cuore tranquillo!
  1. Io credo nel destino, siccome credo nel libero arbitrio. Credo che nulla accade per caso, ma anche che possiedo sì la libertà di scelta. Forse non la libertà di fare con chi accada solo quello che voglio “esattamente” come lo desidero, ma la libertà di scegliere come affrontare ogni sfida, quale “lettura” fare di ogni problema, di ogni ostacolo, di ogni brutta giornata. E io scelgo di vedere il lato buono anche nelle cose cattive. Credo sì che in tutto ci sia un lato buono ed è questo quello che io scelgo per me.
  1. Che tu non perca mai la capacità di vedere la felicità nelle cose semplici. Che il canto degli uccelli, il rumore del mare, l’odore dell’erba bagnata di pioggia o della terra appena coltivata abbiano sempre il potere di tirare fuori un sorriso dalle tue labbra,così come “i profumi dell’infanzia” (“brigadeiro”, popcorn, torta al cioccolato, il profumo della casa della nonna, ecc) ti portino ricordi che ti facciano ridere e sorridere così,dal nulla, senza paura di sembrare folle!
  1. La fine di un ciclo è l’inizio di un altro. Perché tutto fluisca, perché il tempo cambi, perché tutto migliori, perché possiamo evolverci ed essere in grado di trovare un senso anche nelle cose più assurde, sono necessarie pause, punti, cambi di direzione. Nuove strade o semplicemente la ripresadi vecchie strade, viste però in un modo nuovo. Come un nuovo testo scritto che per avere (ed essere) un senso, necessita di un punteggio esatto. E dove andremo a mettere la virgola, determinerà la chiave della questione!

DSCN3070

Anúncios

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s

%d blogueiros gostam disto: