Teletrasporto

31 jul

Perché non hanno ancora inventato il teletrasporto?

Oggi è uno di quei giorni dove vorrei “traslocarmi” come faceva la Jeannie, di Strega per Amore (o era quella del telefilm “Vita da Strega”?). Semplicemente “lampeggiare” gli occhi ed essere da un’altra parte, per subito dopo battere ciglia di nuovo, ed essere in un altro posto ancora.

La Spiritualità, come la Fisica Quantistica, ci ha dimostrato che c’è la possibilità che questo accada, ma, per ora, solo con i nostri corpi sottili. Anche il gruppo “Cidade Negra” ci fa vedere, nella sua canzone, che con il pensiero si va a qualsiasi posto. “Il pensamento, è un fondamento, io giro il mondo senza uscire del posto. Io sono andato al Giappone con la forza del pensiero…”

Ci sono giorni in cui essere lontana di casa, anche se siamo in quella che è la nostra casa adesso, fa sì che questi pensamenti vengono in superficie. Saudades sì, ma una mancanza piacevole, che ci fa sorridere davanti a una fotografia, a un ricordo, e ci fa sognare con un incontro che non si sa quando succederà. Voglia di tornare indietro? No. Semplicmente volgia di “fare un salto”. Voglia di un tocco, di uno scambio di sguardi, di una parola, una carezza. E basta.

Se esistesse il teletrasporto, io andrei velocemente a Porto Alegre, per essere a pranzo dalle mie carissime amiche Carla Mannino e Cristiane Bueno. Approfitterei per giocare un po’ con la cara Alice. Direi a Carla m,semplicemente: amica, sono qui. E tu lo sai. Niente di più. Dopo, andrei alla CliniOnco, e per un po’ sarei nel ComVida, che, a questo punto, avendo già saputo del mio arrivo, avrebbe fatto un’ eccessione e si sarebbe riunito fuori del “giorno ufficiale”. Andrei, quindi, a riunire la “Turma do Bem” , le carissime amiche e i cari amici della Psicoonco, della Psicosomàtica, del GALA, il gruppo degli “Scout”, l’ Eve, il caro Lipe, Carla e la pena arrivata Sofia! Andrei a riunire anche i miei cugini (Zaida, Tais, Lenira, Eleonora, Ivonete), per una merenda, una chiacchierata, una “roda de chimarrao”. Andrei anche a fare una visita a Teresa e, come per miracolo, avrei incontrato anche l’ Ana Paula, Patricia, la signora Jurema, tutta quella famiglia cui ho aiutato per tanti anni, prima di andare via da Porto Alegre, e di cui conservo con me la lettera di addio, lettera che, solo a pensare, mi emoziona.

Dopo di tutto ciò, mi teletrasporterei fino a Caxias. Ah, prima però, farei un “auto-stop” a Nova Petròpolis, e porterei gli Haas con me! Andrei a trovare tutti gli zii, zie, sia della famiglia della mia mamma che della famiglia del mio papà.  Andrei a passeggiare per la città con mia madre, rivedendo persone, entrando in vari posti, negozi, visitando gli amici, degli Scouts, le amiche Vanessa, Adriana, Dani (e andrei a conoscere la sua bimba!) Andrei  quindi a vedere la Carlinha che gioca a Rugby, la Julinha nel taekwondo, e troverei  Guinho e Mari, facendo il tifo per loro due Nel’ora della merenda, strategicamente, andrei a “matar a saudades” della mia altra mamma, quella che, con molta pazienza, ha sempre supportato i miei casini e ilo mio modo disorganizzato di essere. Quella che tutte le volte che andavo in vacanza sistemava la mia stanza da letto, facendomi una meravigliosa sorpresa, che a me piaceva tanto! (Peccato che io non riuscivo a far durare per molto tempo. Era più semplice lanciare le cose sotto il letto, o metterle in quello cesto di vimine!) Sì, io andrei a trovare Amalia, Jessica, e Bea… E, prima di tornare a Milano, farei ancora in tempo di andare a mangiare uno x! Uno x, accompagnata dei miei cugini e delle mie cugine che io AMO e i loro rispettivi “aggregati”: Saulo, Luciano, Catia, André, Dani, Isabela, Bibi, Amanda (ed io finalmente conoscerei Celso!) Ed io direi ad Amanda, carissima, ci sono cose nella vita che non si riesce a spiegare. Ansi, molte volte la vita non ci chiede delle spiegazioni, ma ci chiede semplicemente di essere vissuta. Non tutto deve per forsa avere una ragione. Alcune cose semplicemente succedono. Tocca a noi decidere il modo in cui afrontarle. Punto. Uno x, andrei a mangiare uno x, accompagnata di amici speciali, come Simo e Rafa (e conoscerei Duda!), Jana, Samuel, Davi!  Clarissa, Nadja, tutto il gruppo dell’ETERNA!  I colleghi del CARMO (Leonardo, Carolina, Maria Biffi, ecc), gli amici dell’OBJETIVO!  La vecchia “Troppa Guia”! (Cris, Juli, Cintia, Cami, Lisa,  Sara, ecc, ecc) .  Tocha e Lù! E per giunta, andrei ancora a vedere un concerto, dove suonassero Lù, Samuel, Taquara, Natalia, le gemelle. Sì, perché poiché tutto ciò è frutto della mia immaginazione, tutto può essere (se io vorrei, sarà!)

E, come nell’Universo il tempo non esiste, dopo di tutto ciò, potrei, nel viaggio di ritorno, fare ancora tre scale: una a Floripa, per vedere Suzi, Inha e André, e dopo andare a prendere un tè (avrei proprio bisogno, lo x era enorme!) da Odessa e Felipe. E in questo momento penso ancora di più al mio amore che, se non è ancora venuto al mio incontro, lo farà adesso, in questo esatto istante! (Ma è molto probabile che, anche lui con i teletrasporto, mi abbia raggiunto a tempo per mangiare il x. Dopo tanta pubblicità che ho fatto del x, sicuramente lui non vedeva l’ora di assaggiarlo!)  Dopo di fare una pausa da Ode, uno “stop” a Sampa, per stare in compagnia dei carissimi Evandro e Manuela. La notte paulistana!! E un salto da pulo no Britto, ovvio! Lui mi ha visto crescere!!

L’ultima sosta? Bene, a questo punto, sembra che il sole stia per nascere. Cosa ne pensi di vedere il sole che nasce sul mare? Rio!! Zona Sul!! Abbiamo trovato la cara amica Sandra! E abbiamo conosciuto la bellissima  Dara!! E ci troviamo seduti sulla sabbia, con i piedi nell’acqua, a vedere uno degli spettacoli più belli dell’Universo: la nascita del sole. E il sole è già alto, è ora di dire addio. E siamo tornati a Milano. Felici, sereni, e sicuri che questo giro può essere ripettuto, quando si vorrà, come si vorrà. Con il pensiero, con il cuore…Imagem

Anúncios

2 Respostas to “Teletrasporto”

  1. Ana Festugato 17 de agosto de 2012 às 1:32 #

    Filha!Como me emocionei com teus comentários !Eu ainda não tinha lido na integra,acho que não consegui entrar no blog,mas, hoje finalmente consegui ler as coisas maravilhosas que colocaste.Tu és uma verdadeira FILHA De DEUS Perfeita!!!Bjinhos!

    • marianfsouza 17 de agosto de 2012 às 10:08 #

      Isto lembra a Seicho-no-ie!! 🙂 Beijos amada, e que bom que gostaste da minha “viagem”!

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s

%d blogueiros gostam disto: